GLI AVVENTISTI DEL SETTIMO GIORNO

Seguirono i consigli biblici riguardo alla buona salute...

Molti argomentano che la longevità e la buona salute di certi gruppi “primitivi” (tipo Hunza, indiani Hopi e Navajo, Abhanziani e Eskimesi) siano il risultato di un tenore di vita specifico e particolare, di non esposizione ai medesimi agenti cancerogeni ai quali invece gli uomini moderni vengono normalmente esposti. Molti dicono: lasciamo respirare loro la stessa aria inquinata che noi respiriamo, fumare le stesse sigarette, ingoiare i medesimi additivi chimici insieme al loro cibo e acqua, usare lo stesso sapone e gli stessi deodoranti ….. e poi vediamo “come se la passano”!

Questo è certamente un valido argomento, certamente i fattori ambientali sono di gran influenza sulla salute, e così dunque l’inquinamento di ogni tipo.

Fortunatamente, grazie alla chiesa avventista del settimo giorno, la questione è stata parzialmente risolta.

A metà del 1800, quando la Bibbia è stata stampata su larga scala, finalmente molti la lessero, e divennero anche consapevoli circa i buoni consigli dati dalla Bibbia circa la salute. Nei tre messaggi dell’angelo di Apocalisse (apocalisse 14:7) si dice di “dare gloria a Dio”. Molti pensarono: “come possiamo dare gloria a Dio?”. Molti cristiani risposero: “possiamo dare gloria a Dio seguendo i Suoi comandamenti”. Ma oltre questo, altri cristiani lessero a fondo, e trovarono altri modi, tra cui 1 Corinzi 10:31: “Sia dunque che mangiate, sia che beviate, sia che facciate alcun'altra cosa, fate tutte le cose alla gloria di Dio”. Si può anche dare gloria a Dio mangiando e bevendo nel modo corretto. 1 Corinzi 6:19-20: “Non sapete che il vostro corpo è il tempio dello Spirito Santo che è in voi, il quale voi avete da Dio, e che voi non appartenete a voi stessi? Infatti siete stati comprati a caro prezzo, glorificate dunque Dio nel vostro corpo e nel vostro spirito, che appartengono a Dio”. Dio desidera dimorare dentro i Suoi figli, ma non può farlo se il corpo è contaminato; esso non è il nostro corpo, ma appartiene a Dio, ed è da usare per la Sua gloria. Dio è molto esplicito in questa area. In 1 Corinzi 3:16-17 dice: “Non sapete voi che siete il tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi? Se alcuno guasta il tempio di Dio, Dio guasterà lui, perché il tempio di Dio, che siete voi, è santo”. Dio dice che se noi ci ostiniamo a contaminare il corpo, Lui ci distruggerà.

Una delle chiese cristiane che scoprì questi principi biblici di salute fu la chiesa avventista. Così i suoi membri cominciarono a vivere sulla base di questi principi biblici di salute, e noi oggi – dopo molti anni – ne vediamo risultati evidenti. Essi al giorno d’oggi sono uno dei popoli più in salute che ci sia.

Gli avventisti del settimo giorno si mischiano tra la nostra popolazione e vivono in ogni parte del mondo. Studi effettuati sui membri di tale chiesa hanno messo in luce che gli avventisti hanno oltre il 50% in meno di probabilità di incidenza del cancro. Questo è un fatto assodato e ben noto al giorno d’oggi. Fate una ricerca in internet con parole chiave tipo “avventisti meno cancro”, e vedrete quanti risultati troverete da varie fonti che supportano quanto argomento.

Gli avventisti hanno lo stesso profilo di sesso, età, situazione socio-economica, educativa, occupazionale, etnica e culturale rispetto al resto degli uomini moderni; ma loro hanno oltre il 50% di possibilità in meno di prendersi il cancro, perché seguono i principi biblici di salute per una vita abbondante, avendo una dieta vegetariana, vivendo uno stile di vita sano e felice. Come risultato, in media loro vivono anche 12 anni in più rispetto alla media degli uomini moderni di oggi.

La ragione per cui gli avventisti non sono liberi al 100% dal cancro come gli Hunza, è dovuto ai seguneti motivi:

- Molti membri continuano a seguire uno stile di vita ed una dieta moderna all’occidentale;

- La verdura e la frutta mangiati non sono selezionati in modo specifico per il loro contenuto di vitamina B17;

- Non tutti gli avventisti aderiscono alla dieta vegetariana;

- Le tossine dei cibi moderni e l’inquinamento ambientale colpisce anche loro, non abitando in luoghi separati e incontaminati. 

Vi espongo queste poche citazioni tratte dalle maggiori testate giornalistiche americane …

- The Saturday Evening Post: “Gli avventisti del settimo giorno sono il più sano gruppo del paese. Essi hanno sorpreso il mondo con statistiche mediche impressionanti: gli uomini tra i 35 e i 40 anni hanno un’aspettativa di vita più lunga di 6,2 anni in media rispetto al resto della popolazione. Le donne hanno un’aspettativa di vita più lunga di 3,1 anni. Soggetti maschi di 55 anni e oltre – che mangiano carne anche 6 volte alla settimana o più – hanno il doppio di probabilità di morire di attacco di cuore rispetto ai soggetti maschi avventisti vegetariani. Non solo gli avventisti hanno meno attacchi di cuore, ma hanno anche il 50% in meno di cancro rispetto al resto della popolazione. La percentuale di cancro al polmone è solo 21% della percentuale prevista, e il loro cancro al colon-retto è 60% del previsto …

- Citazione dalle notizie di Paul Harvey, punto di vista dato dal servizio della pubblica salute degli Usa in California: “A giudicare dai dati, gli avventisti del settimo giorno hanno un’aspettativa di vita 5 o 6 anni maggiore rispetto agli altri californiani, il 75% in meno muore di cancro, il 68% in meno muore di malattie respiratorie, l’88% in meno muore di tbc e l’85% in meno muore di enfisema polmonare … Inoltre, a causa dell’astinenza dall’alcol, gli avventisti hanno circa solo 1/3 di incidenti … “.