Stimolazione del sistema immunitario

smantellare il cancro è una guerra. La battaglia è dentro di noi

La realtà è che smantellare il cancro è una guerra. La battaglia è dentro di noi … Se il corpo sta per intraprendere un’azione di guerra, ha bisogno di essere pronto come un incrociatore da guerra della marina …

Il cancro è una malattia opportunistica. Se le condizioni sono favorevoli, ogni cellula nel corpo può mutare. Le mutazioni avvengono nel DNA. Le cellule maligne si sviluppano nei nostri corpi giornalmente, ma esse vengono eliminate o riprogrammate dal sistema di difesa naturale del corpo per essere di nuovo cellule normali, e tutto procede bene … 

Il cancro sta dormendo, in attesa di ogni genere di rottura nelle linee di difesa del sistema immunitario. Quando gliene viene data l’opportunità, la mutazione delle cellule comincerà, e le cellule maligne cominceranno a riprodursi in modo incontrollabile. Questo è quello che il cancro è. Esso è spesso il risultato di anomalie genetiche che sono legate o provocate da fattori di stress negativi.

Ma noi allora dobbiamo aver timore di questa possibilità sempre presente di fragmentazione del DNA o di mutazione delle cellule? No, ma dobbiamo dedicarci a mantenere a regime le funzioni del sistema immunitario.

Diamo uno sguardo più ravvicinato a come lavora il sistema immunitario per prevenire la formazione di cellule mutate.

Il sistema immunitario è costituito di organi e cellule che formano una squadra per proteggere il corpo dagli agenti esterni che potrebbero essere pericolosi. Certe cellule sono capaci di distinguere tra cellule normali e anormali. Quando una cellula anormale o straniera viene scovata, queste cellule la stanano e la distruggono.

Ci sono molti tipi diversi di cellule che costituiscono il sistema immunitario, tra cui i monociti, i macrofagi e i neutrofili. Le cellule specifiche che combattono il cancro sono nel gruppo chiamato linfociti, un tipo di globuli bianchi tra cui le cellule B, le cellule T e le cellule NK (natural killer). Le cellule T si aggrappano direttamente alle cellule del cancro e le attaccano.

Esse sono in grado di riprodursi attraverso la clonazione proprio dove si trovano le cellule anormali. Le cellule T svolgono anche un’altra importante funzione, urlano il “grido di guerra” e chiamano in azione le cellule NK. 

Esse sono piccole fabbriche chimiche che producono sostanze altamente potenti che si combinano tra loro e uccidono ogni cosa sia sconosciuta al corpo. Quando le cellule T e le cellule NK completano l’uccisione delle cellule del cancro, i macrofagi ed i fagociti assorbono le cellule morte e le preparano per l’eliminazione.

Questo è il motivo per cui è importante che il sistema linfatico, il fegato, i reni, i polmoni e l’intestino funzionino in modo appropriato. 

Un sistema immunitario che funziona bene è il modo migliore per prevenire il cancro, ma è assolutamente necessario al fine di prevenire il ritorno del cancro dopo il trattamento.

Il problema di molte terapie convenzionali, specialmente della chemioterapia, è che esse distruggono i globuli bianchi. Per una remissione del cancro a lungo termine, un conteggio adeguato di globuli bianchi è indispensabile … (vedi NOTA1)

… Il fallimento di molti trattamenti oggi è che essi attaccano solo il tumore. Ma esso è solo il sintomo del cancro. Non c’è dubbio che un programma efficace possa fermare la crescita del cancro, ma questo non sarà sufficiente ad evitare una ricaduta. Le funzioni immunitarie devono essere ben rinforzate, perché un sistema immunitario depresso “lascia aperta la porta sul retro” al cancro, affinché torni a vendicarsi. Ma questo non è ancora abbastanza. Le disfunzioni del sistema immunitario offrono al cancro l’opportunità cercata di svilupparsi, ma non è questa la causa del cancro. E’ di vitale importanza indagare che cosa sta stressando il corpo e il suo sistema immunitario … Qui di fianco vi presento una lista di possibili cause di stress che sono correlate al cancro.

Il programma di immunoterapia comprende i seguenti tre componenti: terapia dei succhi, terapia della nutrizione, terapia VME (vitamine, minerali, enzimi).

La terapia dei succhi (juice therapy): costituisce semplicemente nell’assunzione quotidiana di succhi di frutta e verdura organici, principalmente di carote e verdure verdi. I dottori dell’Oasis of Hope Hospital prescrivono un regime di succhi inizialmente per detossificare il corpo, e poi lo modificano per rinforzare il sistema immunitario.

La terapia nutrizionale: uno dei modi migliori per provvedere risorse per la guarigione del corpo è attraverso il cibo (vedere sezione “alimentazione”). Sfortunatamente, il paziente tipico aderisce alla dieta standard americana. Non deve giungere nuovo a nessuno sapere che questa dieta è povera in fibre e alta in grassi, farina bianca, zucchero, conservanti, colesterolo, pesticidi, antibiotici e ormoni. Tutte queste cose è ormai risaputo che inibiscono le funzioni proprie del sistema immunitario …

La ragione per cui dobbiamo imparare ad usare il cibo come medicina è perché i fattori nutritivi nel cibo sono più bio-disponibili rispetto a quelli che si trovano nelle medicine e negli integratori alimentari (nutraceutici). Questo significa che il corpo può processare i fattori nutritivi in modo più efficace e metterli al lavoro velocemente. Questo non si può dire di molti prodotti vitaminici sul mercato oggi.

La terapia VME: mentre è vero che i succhi organici e il cibo sono la migliore risorsa di fattori nutritivi essenziali, è anche vero che il sistema immunitario ha bisogno di funzionare a livelli ottimali. Io credo fermamente nella necessità di integrare queste terapie con vitamine, minerali, enzimi. Succhi organici e cibi possono provvedere un’adeguata nutrizione ad una persona in salute; ma la persona il cui sistema immunitario è stato compromesso ha bisogno di maggiori risorse rispetto a quelle che la sola dieta può provvedere.

La combinazione di queste tre terapie può trasformare il sistema immunitario del corpo in un’incredibile macchina da guerra.


Per approfondimenti, vedere le sezioni “terapie e protocolli” e “alimentazione”.