Fitonutrienti mettono al riparo da cardiopatie, diabete, cancro

mangiare frutta e verdura in diverse varietà permette di assumere adeguati livelli di fitonutrienti in grado di ridurre il rischio di malattie cardiache, cancro e diabete

Qualche tempo fa uno studio metteva in dubbio l’utilità di frutta e verdura nel prevenire il cancro, oggi invece, un altro studio suggerisce che mangiare frutta e verdura in diverse varietà permette di assumere adeguati livelli di fitonutrienti in grado di ridurre il rischio di malattie cardiache, cancro e diabete. È proprio sulla necessità di variare la dieta che insistono i ricercatori del Nutrilite Health Institute, i quali sostengono che le abitudini alimentari delle persone in genere sono limitate e riducono l’apporto di fitonutrienti in quanto ci si limita a mangiare sempre le solite poche varietà di vegetali; varietà che spesso non contengono la massima concentrazione dei nutrienti necessari. Tra i tipi di frutta e verdura comunemente utilizzati dalle famiglie, secondo i ricercatori, qualora non vi fossero bisognerebbe che figurassero anche altri alimenti come arance, succo d’arancia, carote, uva, mirtilli, aglio, pomodori, fragole, senape, tè e prodotti di soia vari. Per esempio, i mirtilli sono meno diffusi che non l’uva, ma contengono le stesse elevate quantità di fitonutrienti, fa notare il dottor Keith Randolph, Technology Strategist della Nutrilite. A sostegno della salute del cuore ci sono gli antociani, le sostanze antiossidanti “coloranti” che compongono proprio i mirtilli e l’uva rossa. Ma non ci sono solo gli antociani. I fitonutrienti presenti in frutta e verdura sono utili in moltissimi casi e forniscono tutta una potenziale gamma di benefici per la salute che va dalla protezione per le ossa alla promozione della vista, e poi la già citata protezione del sistema cardiovascolare per fini con il sostegno al sistema immunitario e delle funzioni cerebrali. L’importate, sostengono i ricercatori, è saper distinguere i vari tipi di frutta e verdura che, a seconda del caso, contengono più o meno fitonutrienti concentrati e anche diversi tipi di questi. I risultati di questo studio presentati il 25 aprile all’Experimental Biology Meeting tenutosi ad Anaheim (California), mostrano come sia importante la varietà di vegetali che si consumano ogni giorno e non solo la quantità o meno per avere un impatto significativo sulla salute e il benessere globale dell’individuo.

L'articolo completo e gli approfondimenti sono disponibili all'indirizzo:http://www.lastampa.it/cmstp/rubriche/girata.asp?ID_articolo=1837&ID_blog=26&ID_sezione=563